Migliorare l’ambiente, risparmiare risorse e usare il risparmio energetico per trasformarlo in denaro: l’idea si è concretizzata per la prima volta nel 2005 in Italia. Certo nel Regno Unito già nel 2002 è stato adottato uno schema simile, ma in realtà molto diverso perché limitato

al settore domestico e con la condizione che almeno il 50% dei risparmi fossero ottenuti presso abitazioni di famiglie a basso reddito. In più i progetti di risparmio nel Regno Unito potevano essere sostenuti e proposti solo dai soggetti obbligati, mentre in Italia fin dal 2005 possono essere sostenuti anche da società di servizi energetici e ammettendo tutti i settori di uso finale dell’energia.

Il sistema italiano dei Certificati Bianchi si posizionava così fin dall’inizio come il sistema per il risparmio energetico più innovativo al mondo, un esempio da seguire per la Francia che ha introdotto un analogo sistema un anno dopo, nel 2006, e per molti altri Paesi europei che sono attualmente in procinto di adottare un analogo sistema. L’Italia è dunque all’avanguardia nel settore dei Certificati Bianchi quale mezzo non solo per sviluppare un utilizzo più razionale dell’energia ma anche per incentivare le aziende e dinamizzare il mercato. E leader in questo settore è una società romana, Avvenia (www.avvenia.com), che da 12 anni a questa parte ha fatto dell’innovazione il suo marchio di fabbrica, rendendo il Lazio un polo di eccellenza del risparmio energetico.

L’azienda ha sede a Genzano di Roma, ai Castelli Romani, e ha clienti in tutt’Italia e all’estero, dal Gruppo Fiat a Trenitalia a Coca-Cola. Le grandi multinazionali scelgono proprio il know-how di Avvenia per il risparmio energetico. «Perché l’attenzione all’innovazione è per noi un sigillo in senso letterale, ma sempre rimanendo fedeli alla tradizione: innovare nel rispetto dell’ambiente e dei valori etici» spiega l’ingegner Giovanni Campaniello, fondatore e amministratore unico di Avvenia, che attraverso l’implementazione della «Modellazione Dinamica Avvenia» (MDA) ha conseguito per le aziende ancora maggiori risparmi energetici e importanti vantaggi economici legati ai Titoli di Efficienza Energetica.

Così, con le sue performance superiori alla media, Avvenia ha contribuito in modo decisivo allo sviluppo di infrastrutture più efficienti ed economiche. Ma le soluzioni proposte da Avvenia contribuiscono anche a ridurre le emissioni inquinanti prodotte dai processi industriali, migliorando i processi e recuperando risorse per nuovi cicli produttivi. Dietro a queste performance vi sono dunque tecnologie tutte italiane. «L’importante è rendere i processi semplici, puliti e competitivi» conclude l’ingegner Campaniello.